Ausili ottici

Gli ausili ottici per la degenerazione maculare

Funzione principale: ingrandire le immagini

Le lenti di ingrandimento: sono disponibili in varie fogge e poteri ingrandenti. Generalmente vanno scelte per le letture brevissime come i prezzi o le date di scadenza. Tuttavia anche alcune letture prolungate, in alcune situazioni, possono essere affrontate con le lenti di ingrandimento. Per una lettura gradevole, gli ingrandimenti dovrebbero essere contenuti in 3-4 volte la grandezza naturale. Considerato che una lente di ingrandimento da 3 ingrandimenti corrisponde ad un valore +12 diottrie, la distanza di lavoro sarà di poco superiore ad 8 cm. con un campo di lettura proporzionalmente limitato, perciò più ingrandimenti vengono richiesti, minori saranno la distanza di lavoro ed il campo di lettura. Gli esperti di Retinitis consigliano le lenti manuali o tascabili per le letture brevi (prezzi, date di scadenza, ecc.), mentre per le letture prolungate è meglio rivolgersi a lenti con stativo ed autoilluminazione.

Occhiali ingrandenti: Gli occhiali ingrandenti sono disponibili in varie fogge e poteri ingrandenti. Generalmente per letture brevi (come prezzi o date di scadenza) sono consigliati gli occhiali ipercorrettivi, esteticamente molto simili ai normali occhiali da lettura, mentre per letture più prolungate è consigliabile l’uso di occhiali dotati di un sistema aplanatico oppure telescopico. I sistemi aplanatici consentono una visione quasi del tutto priva delle aberrazioni sferiche periferiche (effetto fondo di bicchiere). I sistemi telescopici Galileiani consentono di ottenere gli stessi ingrandimenti a distanze di poco maggiori di quelle ottenute con lenti singole o sistemi aplanatici. I sistemi telescopici Kepleriani consentono di utilizzare gli ingrandimenti necessari alla distanza voluta dall’utilizzatore. Per una lettura gradevole, gli ingrandimenti dovrebbero essere contenuti in 3-4 volte la grandezza naturale quando vengono usati gli occhiali ipercorrettivi ed i sistemi telescopici Galileiani, mentre per gli aplanatici ed i sistemi Kepleriani sarebbe opportuno non superare gli 8 ingrandimenti.